Privacy Policy Vivere nell'antico Egitto - Antico Egitto di Iside

VIVERE NELL’ANTICO EGITTO

Vivere nell'antico Egitto

Bevande
Grandi consumatori di latte di mucca, gli egizi non disdegnavano quello di capra e pecora. Le bevande più apprezzate erano il vino e la birra

Shedeh il vino del faraone Tutankhamon
Era un vino talmente pregiato da esser considerato capace di resuscitare i morti, si otteneva dopo un lungo processo di raffinata elaborazione.

Casa
All’esterno della valle del Nilo, sono venuti alla luce numerosi insediamenti.

Insediamenti urbani
L’Egitto presentava città murate di varia estensione occupate da funzionari, agricoltori e artigiani.

Villa-fattoria
Nella regione del Faiyum diventata “alla moda” durante il Medio Regno sorsero vastissime tenute agricole che erano insieme fattorie e ville residenziali.

Gioielli
Seppur gli orafi si specializzarono nelle varie tecniche della lavorazione dell’oro, i gioielli egizi rimangono famosi soprattutto per la loro policromia, ottenuta attraverso l’inserzione di pietre dure.

Barba
Soltanto gli stranieri portavano la barba e coloro la cui condizione di povertà non permetteva di far ricorso all’opera del barbiere.

Cosmesi
La cura del corpo era molto importante per gli antichi egizi che utilizzavano creme, unguenti e profumi per ammorbidire e profumare la pelle.

Danza
Gli artisti del suono e della danza sono già documentati alla corte di Cheope e crescono nell’epoca feudale quando si moltiplicano le corti provinciali.

Musica
La scrittura musicale fu inventata dai greci;fortunatamente ci aiutano documenti di altro genere quali raffigurazioni di musici e strumenti musicali.

Lavoro
Le materie prime, gli arnesi da lavoro e la lavorazione del vetro

Sciopero
Gli uomini erano organizzati in due squadre, dirette da un caposquadra, e lavoravano otto ore al giorno per otto giorni consecutivi.

Tasse
Considerando che il popolo apparteneva al faraone era a lui che i suoi sudditi dovevano, in cambio del cibo, prestazione lavorativa gratuita.

Classi sociali
Scriveva Erodoto: “In Egitto vi sono sette classi:i sacerdoti, i guerrieri, i pastori, i porcari, i mercanti, gli interpreti e i marinai.

Artigiano
I piccoli artigiani raramente potevano contare su una sede di lavoro stabile in prossimità del villaggio in cui abitavano, spesso erano costretti a faticosi e prolungati spostamenti.

Contadini
Il contadino era analfabeta e la considerazione sociale di cui godeva era del tutto impari alla fatica profusa

Minatori
Le miniere che gli antichi egizi sfruttavano, si trovavano tutte nel deserto: giacimenti di rame, di malachite e di turchese del Sinai e ad est di Koptos e in Nubia, erano frequenti anche miniere d’oro

Schiavi
La schiavitù ebbe sempre una funzione secondaria nell’economia egizia, del resto la manodopera servile cominciò a costituirsi soltanto a partire dal Nuovo Regno, quando le campagne militari dei faraoni in Nubia e in Asia condussero in Egitto nutrite schiere di prigionieri

Funzionari
Il faraone conferiva loro privilegi e titoli che si traducevano in ricchezze e proprietà terriere che trasformarono presto la società egizia in un sistema feudatario.

Visir
Il titolo di visir fu istituito sotto Snefru ed il primo a fregiarsene fu Nefermaat.

Armi
L’armamento durante l’Antico ed il Medio Regno fu alquanto povero: contava solo mazze di pietra, archi, frecce e giavellotti.

Esercito
Per tutta la durata dell’Antico Regno l’Egitto non dispose di un esercito organizzato, solo nel Medio Regno si andò formando un’ esercito permanente affidato al comando di ufficiali di vario rango

Fortificazioni
Le fortezze, con i templi e le piramidi, costituiscono un altro grande capitolo dell’architettura egizia

Marina
Si è a conoscenza di una flotta di Cheope agli ordini di un certo Merib, bisogna però attendere il regno di Sahura prima di vedere sui muri del suo tempio la raffigurazione di una spedizione navale sul Mar Rosso

Tributi di guerra
Il bottino rimase uno dei frutti immediati della guerra sino al Nuovo Regno, quando i faraoni iniziarono a sfruttare al meglio le loro conquiste e ad esigere dei tributi.

Scuola
La scuola egizia fu fondata attorno al 2000 a.C. con lo scopo di formare giovani esperti da destinare alle funzioni amministrative dello Stato

Giochi
Il senet, l’antenato della dama, il gioco rituale agrario in onore del dio Min, le piste di boowling

Viaggi e trasporti
L’Egitto possedeva una grande “strada” naturale, il Nilo,che insieme ai canali ospitava gran parte del traffico interno del paese

Calendario
L’anno egizio era composto di 365 giorni e suddiviso in 12 mesi di 30 giorni ciascuno

Clessidra ad acqua
Fu Amenemhet, un suddito di Amenhotep I, che progettò la prima clessidra ad acqua basandosi sul principio di quella a sabbia

Alberi
Nonostante il rigoglio vegetale di alcune zone della valle del Nilo gli alberi, nell’antico Egitto, erano presenti in minima misura

Fiore di loto
Il loto egizio o loto bianco d’Egitto era una pianta acquatica sacra con grandi fiori bianchi o rosei

Ogni colore aveva un perchè
Per gli antichi Egizi ogni colore aveva un preciso significato.

Magia
Nell’Antico Egitto ogni momento dell’esistenza dell’uomo era legato alla magia, sia nelle manifestazioni ufficiali sia nella quotidianità della vita comune.