Privacy Policy Schiavi -- Vivere nell'antico Egitto -- antico Egitto di Iside

SCHIAVI

Schiavi
La schiavitù ebbe sempre una funzione secondaria nell’economia egizia.

Del resto la manodopera servile cominciò a costituirsi soltanto a partire dal Nuovo Regno, quando le campagne militari dei faraoni in Nubia e in Asia condussero in Egitto nutrite schiere di prigionieri.

I soldati ricevevano in ricompensa delle loro prestazioni schiavi stranieri. I templi e i possedimenti del faraone si arricchivano di schiavi prelevati tra le popolazioni vinte.

Della condizione in cui questi schiavi vivevano sappiano molto poco.

Leggiamo in un testo:
“Il bambino è dato alla luce per essere tolto a sua madre, e quando è ormai adulto gli si spezzano le ossa” ( in senso metaforico).

Abbiamo notizie anche di schiavi sposati con donne libere o padroni di possedimenti e servitù. Un barbiere diede il suo schiavo in sposo alla propria figlia e ne fece il suo erede.

Accadeva che qualche schiavo tentasse la fuga.

In questo caso lo si cercava, ma senza troppa determinazione, e se riusciva a varcare il confine la questione veniva archiviata.

Esistevano anche dei mercati di schiavi: l’acquisto veniva reso ufficiale attraverso un giuramento prestato davanti a testimoni e ad una registrazione scritta fatta da un funzionario.

Gli schiavi, di origine straniera, ricevevano subito un nome egizio e potevano anche venire affrancati.

L’incredibile dedizione mostrata dagli schiavi al loro padrone, toccò in Egitto punte clamorose e fu per ricompensare tale straordinaria fedeltà che spesso i faraoni elevarono al rango di favoriti reali degli stranieri di condizione servile.

I Ramessidi,in particolare Ramses II e Ramses III, giunsero addirittura ad integrare nei loro eserciti dei prigionieri di guerra e a far di loro ( è il caso degli Shardana e dei Mashawash) le proprie guardie del corpo o dei guerrieri scelti.

POTREBBE INTERESSARTI
La schiavitù nell’antica Roma
Tratta degli schiavi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *