Privacy Policy Libro dei Morti - Capitolo CXXV - - Antico Egitto di Iside

LIBRO DEI MORTI CAPITOLO CXXV

LIBRO DEI MORTI

Libro dei Morti - capitolo CXXV

Nel capitolo 125 del Libro dei Morti il defunto viene rappresentato in rispettoso atteggiamento mentre attende il risultato della pesatura del suo cuore accanto alla bilancia, dove su un piatto, è posato il suo cuore e sull’altro la piuma di Maat

Il compito è affidato al dio Anubi, o a volte a Horus, sempre assistito da Thot che ha l’incarico di annotare la sentenza, e dalla “Divoratrice” (la dea Ammit) pronta a distruggere i colpevoli

Spesso vicino alla bilancia sono raffigurati il “ba” del defunto, il dio Shai, le dee Renenutet e Meskhenet , nell’insieme rappresentano l’elemento divino donato all’uomo alla sua nascita e che lo ha accompagnato durante il suo cammino terreno.

Sono presenti i 42 giudici del Tribunale di Osiride che simboleggiano i peccati che il defunto non deve aver compiuto nella propria vita. Il passaggio davanti al Tribunale è per il defunto solo una proforma, infatti egli è già glorificato e degno di salire sulla barca solare e di identificarsi con Ra.

Nei capitoli 64 e 148 del Libro dei Morti troviamo una sorta di giudizio anteriore in cui si dichiara che colui che conosce le formule è dichiarato giusto sulla terra e nel regno dei morti.

Nel capitolo 1 si precisa:
”Io me ne sono andato di qui senza che in me siano state riscontra colpe
essendo la bilancia vuota di mie azioni condannabili”.
Infatti il Libro dei Morti è un testo di conoscenza delle formule, e la conoscenza non è una questione morale ma un fatto rituale

Solo nel capitolo 125 si parla di morale, dove tuttavia il defunto è già riconosciuto giusto proprio grazie alla sua conoscenza delle formule, di conseguenza anche la sua morale sarà riconosciuta giusta, scevro da peccati terreni a condizione che la bilancia non si muova e rimanga ferma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *