Privacy Policy Corone Regine antico Egitto - Antico Egitto di Iside

Corone delle Regine

Corone delle Regine

La più antica insegna di regalità femminile, la corona, risale all’Antico Regno ed era la spoglia di avvoltoio, un copricapo aderente formato dalla testa dell’avvoltoio posizionato sulla fronte e le due ali distese lungo i lati del capo.

Originariamente questo copricapo era usato dalla dea avvoltoio Nekhbet protettrice dell’Alto Egitto associata a Uadjet dea cobra del Basso Egitto; anche Uadjet in forma umana adottò la spoglia d’avvoltoio di Nekhbet, sostituendo la testa di avvoltoio con l’ureo.

Dalla V fino all’ultima dinastia questa fu la corona indossata dalle regine come simbolo di divinità.

Nel Medio Regno le regine iniziarono ad indossare anche solo l’ureo; questo simbolo caratteristico del faraone era associato al dio Ra e alla dea Hathor.

L’uso da parte delle regine può avere più significati.

Può essere interpretato come identificazione divina con il faraone, o collegare direttamente, senza intermediari maschili, la regalità femminile alla dea Uadjet, alla mitologia solare e alla dea Hathor in quanto figlia di Ra.

Dalla XIII dinastia le regine portarono una doppia penna di falco montata su un supporto circolare alla sommità della testa.

La simbologia non è chiara, le penne erano caratteristiche maschili che ritroviamo in molti dei come Min o Amon, tuttavia nel Libro dei Morti del Nuovo Regno, la doppia piuma è identificata con il doppio ureo e in un inno solare è identificata con l’occhio di Ra.

Quindi, pur associata a divinità maschili, la connessione con la simbologia solare, doppio ureo e occhi di Ra, rende la doppia piuma identificabile al doppio ureo della regalità femminile, inoltre anche la dea Hathor indossa un paio di penne di struzzo che seppur iconograficamente diverse dalla penna di falco maschile, hanno lo stesso nome shuty “doppia penna”.

Nella XVIII dinastia, le regine portavano due urei uno accanto all’altro, il doppio ureo, probabile riferimento alle due dee Nekhbet e Uadjet, associazione dell’Alto e Basso Egitto.

In seguito si svilupparono combinazioni sempre più elaborate di questi simboli che rappresentavano esclusivamente una rielaborazione stilistica di elementi iconografici il cui significato tradizionale rimaneva invariato.

POTREBBE INTERESSARTI
Le Regine nell’ antico Egitto
Donne e dee nell’antico Egitto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *