ARCHEOLOGIA ANTICO EGITTO
TUTANKHAMON
LA MASCHERA FUNERARIA

Sostieni Archeologia Antico Egitto
Cerca nel sito Collabora con noi Tra Storia e Mito
Archeologia antico EgittoLa maschera funeraria fu realizzata con numerosi strati d’oro battuto, intarsiato di ceramica e pietre semipreziose e riproduceva fedelmente i lineamenti del giovane re al momento della morte.

Gli elementi caratteristici sono il naso sottile e leggermente storto, le narici delicate e le labbra carnose. Secondo l’antica tradizione, intorno agli occhi e fino alle tempie, vi sono tocchi di lapislazzuli. I lobi delle orecchiate sono forati e al ritrovamento erano coperti con nastri d’oro.

Il faraone porta il tradizionale nemes, il copricapo a strisce blu e dorate, simbolo del dio solare Ra.

Anche gli occhi hanno un loro simbolo: quello sinistro rappresenta la Luna, mentre quello destro il Sole.

Scintillano sulla fronte del re, le due divinità associate al potere reale, l’avvoltoio del Sud e l’ureo del Nord.
Il becco dell’avvoltoio è di lapislazzuli e gli occhi sono di quarzo dipinto in bianco e nero, mentre l’ureo è intarsiato di cornalina, lapislazzuli e turchese.


Archeologia antico EgittoLe spalle di Tutankhamon sono coperte da un ampio collare, anch’esso di lapislazzuli, quarzo, feldspato verde, che termina con due teste di falco intarsiate sulle spalle.

Sulla parte posteriore si trova un’iscrizione geroglifica che riporta il testo capitolo 531 dei “Testi dei Sarcofagi” del Medio Regno e che nel Nuovo Regno venne incorporato nel Libro dei Morti.


Tutankhamon: il faraone bambino
Petrie e la scoperta della tomba
Tomba di Tutankhamon
La maschera funeraria

Tutankhamon - video


Salvo preventiva autorizzazione scritta, è vietata la riproduzione, anche parziale e con qualsiasi mezzo


ANTICO EGITTO DI ISIDE ARCHEOLOGIA ANTICO EGITTO TOMBA DI TUTANKHAMON