ARCHEOLOGIA ANTICO EGITTO
LE SEPOLTURE
Sostieni Archeologia Antico Egitto

Cerca nel sito Collabora con noi Tra Storia e Mito
Saqqara: necropoli
Saqqara: la necropoli

Mummia


Nel neolitico la sepoltura consisteva in una semplice fossa in cui si deponeva il defunto avvolto in una pelle di animale o in una stuoia. La fossa veniva quindi ricoperta da una sorta di tumulo di pietre in modo da segnare il luogo di sepoltura.

Nel predinastico si cominciò a tentare di proteggere il corpo del defunto con piccola recinzione di canne (badariano) che, nel nagadiano, diventò una sorta di muretto in terracotta, successivamente  sostituito da una volta e da un muricciolo in mattoni.

Dell’epoca tinita conosciamo il tipo di sepoltura grazie alle rovine della necropoli di Abido, nella quale la maggior parte delle tombe reali erano “cenotafi”, e a quelle di Saqqara.

La pietra compare per la prima volta nel pavimento della tomba di Den, quarto re della I Dinastia, ma è soltanto con Khasekhemui, ultimo sovrano della II Dinastia tinita, che le tombe furono interamente rivestite di calcare.

Le necropoli di Bet-Khallaf e di Reqaquah, presso Abido e risalenti all’inizio dell’Antico Regno, testimoniano il passaggio dalla sovrastruttura delle tombe tinite alla forma della mastaba, struttura massiccia in mattoni oblunghi.

Fu Djoser, primo faraone della III Dinastia, che fece edificare a Saqqara dall’architetto Imhotep una mastaba in pietra tagliata che con varie sovrapposizioni successive, diventò la famosa piramide a gradoni.

A Saqqara le piramidi reali erano circondate da mastabe allineate in modo da formare dei viottoli che davano vita a delle autentiche necropoli.

Fino al Medio Regno predominava ancora la concezione della piramide e della mastaba, tuttavia iniziarono a comparire i primi ipogei.

Soltanto durante il Nuovo Regno fu definitivamente adottato l’ipogeo per le sepolture, che furono poste nella Valle dei Re e nella Valle delle Regine.

Tombe
Le tombe nell’antico Egitto si evolsero nel corso di più di 3.000 anni, con il comparire di strumenti più efficienti e con la scoperta e il miglioramento di nuove strategie architettoniche.
Mastabe
Nelle mastabe più antiche sul lato est vi era una stele che raffigurava una falsaporta sulla quale erano incisi il nome e i titoli del defunto.
Piramidi
La piramide era chiamata MR (pronunciato MER), il prefisso M significa il luogo ed R designa l’atto di salire: quindi luogo dell’ascensione.
Ipogei
L’ipogeo è una sepoltura sotterranea scavata al fianco delle pareti calcaree dominanti la valle del Nilo sino al Delta.

Salvo preventiva autorizzazione scritta, è vietata la riproduzione, anche parziale e con qualsiasi mezzo

ANTICO EGITTO DI ISIDE ARCHEOLOGIA ANTICO EGITTO TRA STORIA E MITO

Collabora con noi