ARCHEOLOGIA ANTICO EGITTO
ULTIME SCOPERTE
LUXOR

Aprono al pubblico due nuove tombe
Sostieni Archeologia Antico Egitto

Cerca nel sito Collabora con noi Tra Storia e Mito
Egitto: Luxor


Due tombe, situate a Luxor sulla riva occidentale del Nilo, in una necropoli per nobili e alti funzionari, sono l'ultima scoperta annunciata dal governo egiziano.
Le tombe appartengono a membri della nobiltà della XVIII dinastia e risalgono a circa 3.500 anni fa.

“È davvero un giorno eccezionale"- ha detto il ministro delle Antichità Khaled al-Enani - "Le tombe erano già conosciute, ma è la prima volta che si riesce a penetrarvi”.

Una tomba ha un cortile rivestito di mattoni di fango e muri di pietra e conteneva un'area di sepoltura larga sei metri che portava a quattro camere laterali. I reperti trovati all'interno erano per lo più frammenti di bare in legno.

Iscrizioni e dipinti sulle pareti suggeriscono che appartenga al periodo tra i regni di Amenhotep II e Thutmosi IV.

L'altra tomba invece ha cinque ingressi che conducono ad una sala rettangolare. Tra i reperti ritrovati all'interno vi sono coni e maschere funerarie in legno dipinte, vasi di argilla, circa quattrocentocinquanta statue e una mummia avvolta in lino, probabilmente di un alto funzionario.

Un elemento decorativo scolpito sul soffitto reca il nome del faraone Thutmosi I sovrano della prima metà della XVIII dinastia.

Le aperture al pubblico delle due tombe fanno parte di un piano complessivo del governo egiziano che punta ad aumentare il numero di siti archeologici visitabili con lo scopo di incentivare il turismo nel Paese.
ANTICO EGITTO DI ISIDE SCOPERTE ARCHEOLOGICHE  TRA STORIA E MITO