ARCHEOLOGIA ANTICO EGITTO
ITINERARI DI VIAGGIO
DA IL CAIRO A DAMIETTA
Cerca nel sito Collabora con noi Sostieni Archeologia Antico Egitto
Damietta
Città fortificata teatro delle guerre fra bizantini e arabi, Damietta, che oggi conta circa centomila abitanti, già dall’antichità era famosa per i suoi artigiani tessili che realizzavano splendidi broccati, e per le sue sartorie che preparavano abiti regali.

La moschea di Abul el-Ma’ta, voluta dai musulmani, fu poi trasformata da Luigi IX in una cattedrale cattolica, poi praticamente abbandonata, oggi l’ex cimitero che la circonda è diventato un grande mercato di volatili, dove si riuniscono gli appassionati di piccioni.

Tra due città Samannud ed el- Maniera, c’è il villaggio di Behbet el-Hagar, lì vicino si trovano le rovine di Iseum che in epoca egizia si chiamava Hebit, si trovava un grande tempio dedicato ad Iside, distrutto nel I secolo e usato successivamente come cava per altre costruzioni, sono rimaste colossali rovine decorate.

Sulla strada si trova Samannud che diede i natali a Manetone, l’autore della prima storia d’Egitto.
Per Arrivare dal Cairo a Damietta si possono percorrere due strade, la prima corre lungo la riva destra del Nilo, la seconda attraversa il fiume all’altezza della cittadina di Mit Ghamr, passa Zifta e si allontana in direzione di Mahalla, ricongiungendosi poi al Nilo dal quale ne riprende la riva destra, poco prima di entrare in città.

Da ricordare che proprio intorno a Damietta, molti luoghi sono noti per le battaglie combattute dai Crociati

Salvo preventiva autorizzazione scritta, è vietata la riproduzione, anche parziale e con qualsiasi mezzo

ARCHEOLOGIA ANTICO EGITTO